Belle le illusioni ottiche di Samanta.

Mi affascina sempre l’attimo nel quale una figura si “arrovescia” nella mente sovvertendo i ruoli dei segni. Quello è l’attimo della creatività. Quando un’idea si affaccia alla mente, quando una cosa vista 100 volte improvvisamente appare nuova e del tutto diversa, quando un segno apparentemente marginale suggerisce al medico una diagnosi, quando una formula riletta 100 volte si rivela all’improvviso ad un matematico, allora accade qualcosa di simile nella mente.

La cosa è interessante perchè aiuta a capire che l’intelligenza, la fantasia, la creatività non sono cose che si possano forzare, non dipendono da tanto studio, almeno in buona parte e certo non solo, bensì dipendono da uno stato d’animo, dalla rilassatezza, dalla disponibilità a leggere il mondo e a lasciare che la mente sia preda delle suggestioni del mondo.

Annunci