Io credo che siano i folli a cambiare il mondo e credo anche che i folli lavorino molto di pancia. Grazie Patrizia (“intrusa IUL”).

Mariella (IUL) nel suo articolo cita una bellissima esperienza fatta in una scuola elementare di Palermo:

Con i ragazzi della mia classe, avendo a disposizione un po’ di giardino attorno alla scuola, abbiamo costruito un orto e per costruirlo ci siamo avvalsi delle azioni/consigli di due nonni( hanno lavorato con i ragazzi!)

Scriverò prossimamente un post su come la scuola primaria italiana figuri ai primi posti nei confronti internazionali mentre la scuola secondaria e l’università italiana siano il fanalino di coda, altro che “eccellenze” …

Nello stesso spirito l’intervento di Emanuela (IUL) che narra

Abbiamo partecipato al Concorso PoliculturaKids, organizzato dal Politecnico di Milano e abbiamo realizzato una narrazione multimediale (con testi, immagini, voci registrate) sul tema della Shoah.


Annunci